Criminal lesbo: intervista a Eugenio Cardi | PianetaGay

Cerca Uomo Gay

Criminal lesbo: intervista a Eugenio Cardi

criminal lesbo

criminal lesboE’ uscito un nuovo noir, Criminal Lesbo, adatto a un pubblico di lettori adulto, scritto da Eugenio Cardi, Rockshock Edizioni, scaricabile in formato e-book. Abbiamo intervistato l’autore che ci racconta dell’idea del romanzo e della sua fase di scrittura: fatti ed episodi atroci, quale un delitto, sullo sfondo di una storia omosessuale, lesbica.

Perchè “Criminal lesbo”?

Mah, diciamo che è un titolo che mi è venuto in mente in modo molto spontaneo, subito dopo aver sentito di recente in TV di questa brutta storia di cronaca che già conoscevo. Credo d’aver semplicemente accoppiato in questo caso i due termini che nell’immediato mi sono stati ispirati dalla faccenda in questione: “criminal” per via dell’atroce delitto perpetrato dalle due amiche dell’assassinata, “lesbo” in quanto vi era certamente una storia omosessuale tra le due assassine…….

Che cosa hai voluto esprimere attraverso la scrittura del romanzo?

Io sono da sempre fortemente affascinato dalle storie di vita legate alla psicopatologia, dalle storie limite, dai contorni un pò forti, certamente noir……….. Tutti i miei romanzi sono infatti legati tra di loro dal fil rouge della follia, spesso combinata con un turbinio di sesso e di violenza…….. Non mi interessa infatti descrivere nei miei romanzi delle vite scontate, canalizzate, inquadrate…… Mi affascina di più chi ha il coraggio di rovesciare il tavolo, chi si oppone ad una grigia esistenza, anche se lo fa in modo politicamente poco corretto e censurabile o magari agendo attraverso una grande follia…………

Eugenio CardiE’ un romanzo che prende spunto da un fatto di cronaca realmente accaduto: quanto c’è di narrazione finta e quanto di documentarismo nel testo? Come possiamo definire l’opera: noir, introspezione psicologica,romanzo “storico” di formazione?

E’ certamente un noir, contenente altrettanto certamente però al suo interno dell’introspezione psicologica: le ambientazioni fosche e tenebrose non accompagnate da un profilo psico-patologico del personaggio credo siano come una pietanza scondita. Poi il mio grande maestro è e resta Simenon, di conseguenza l’insistere nella scarnificazione dell’animo umano è qualcosa che tento di fare di continuo con la mia scrittura. Questo è un romanzo breve, per cui conseguentemente anche tale operazione è in scala minore……… Certamente è molto più elaborata nei miei precedenti: “Ragione e follia”, “Irene F. Diario di una borderline”, “Sex offender – confessioni di uno stupratore seriale”. Per rispondere comunque alla prima parte di questa tua domanda, devo dirti che “Criminal lesbo” non si rifà fedelmente a quanto raccontatoci dal caso di cronaca, tutt’altro; il fattaccio mi è servito solo di ispirazione in verità, è stato il punto di partenza, l’avvio, poi sono andato via di fantasia per conto mio….. D’altra parte, come si usa dire, “gli scrittori non inventano nulla, rubano la vita degli altri”, e così io ho provato ad immaginare a modo mio la vita di queste tre persone incastrate da un gioco certamente più grande di loro, al punto da diventare mortale……..

Le tre adolescenti vivono esperienze estreme, figlie di un certo disagio che si respira nella precarietà odierna: come hai rappresentato i lati difficili di personalità irrequiete?

Questa domanda mi piace molto, caro Alessandro e la trovo molto acuta: l’osservazione dell’animo umano infatti – dopo aver trascorso i miei ultimi vent’anni (da volontario) a contatto con le umanità più disperate, operando in vari ambienti del Sociale – è comunque la cosa che ancora oggi mi affascina più di ogni altra. Nella mia attività nel Terzo Settore ho lavorato a lungo con detenuti, immigrati e minori in difficoltà, tre ambienti diversi che in taluni sfortunati casi diventano un tutt’uno…….. Ho visto un pò di tutto e vissuto tante esperienze, immagini e sensazioni che ti restano appiccicate addosso e che ti tormentano l’anima, e che soprattutto ti fanno capire quanto ci sia ancora così tanto da fare………..

Eugenio_Francia_2010Quanto la componente dell’orientamento sessuale comporta nella definizione psicologica e sociale delle protagoniste?

Secondo me moltissimo: la complicità delle due assassine fatta di un legame a 360 gradi, fortissimo, impenetrabile, morboso e carnale, è stata infatti la cusa scatenante del tutto. La terza ragazza semplicemente è stata respinta, rifiutata, rimandata al mittente dalla mente malata delle due assassine, un pò così come accade nella scienza medica quando si ha il timore del rigetto di un organo artificiale innestato in un paziente; ecco, è accaduto esattamente quello, è stata rigettata. Si è avvicinata troppo al fuoco delle passioni, la poveretta, restandone quindi (figurativamente) imbrigliata e sacrificata successivamente sull’altare delle bramosie sessuali delle due e di incandescente possessione dell’altro……. In questo poi, le due assassine – nel vivere la loro sfrenata adolescenza – hanno un ritorno di natura bambinesca e infantile: Ilaria è solo il loro caldo, morbido e flessuoso giocattolo. Quando la bambola ci ha stancato, le si spezza il collo e la si getta via……………..

Eros e tanathos: quale il rapporto, spesso confuso, spesso indecifrabile, si evidenzia nel percorso della narrazione?

Direi che – religione a parte, ovviamente – Eros e tanathos sono i due maggiori misteri dell’animo umano, così affascinanti e indecifrabili……… Si fanno le cose più incredibili e fantasiose per piacere a qualcuno/a e per non morire………. e spesso le due questioni – così misteriose e fascinose – vanno a braccetto tra di loro, in un confuso e pericolosissimo valzer……… E’ dai tempi dell’antica Grecia che ci arrovella su tale diabolico rapporto, si scrivono libri, testi, canzoni, ci si fanno film e commedie, eppure…… il mistero è ancora tutto lì, del tutto intonso e irrisolvibile, e così attraente……………

Quale target hai voluto toccare elaborando il libro?

Sicuramente quello giovanile e femminile, a cui sono dirette la maggior parte delle mie pubblicazioni, che siano in formato Ebook o quello più tradizionale cartaceo………… “Criminal lesbo” è ovviamente diretto anche verso il mondo gay/lesbico, dati i rapporti di natura affettiva e sessuale che intercorrono tra  le protagoniste del mio romanzo breve, ma devo dirti non è la prima volta che tratto questioni di amore saffico……… In “Irene F.”, ad esempio, c’è un rapporto simile tra Irene e Patrizia……..

Quale è stata la reazione del pubblico lettore?

E’ uscito da pochissimo (dicembre 2013) per cui è difficile dirlo, ma mi sembra stia già suscitando un certo interesse………. Anzi approfitto per dire che “Criminal lesbo” è possibile reperirlo su tutte le piattaforme on line (da Amazon a Feltrinelli, Rizzoli, IBS, ecc.) a soli 1,99 €!!!

Hai altre opere in programma, magari dedicate anche a temi che riguardano il mondo LGBT?

Il mondo LGBT mi interessa molto, non ultimo in quanto ho molti amici ed amiche che ne fanno parte, per cui assolutamente non misterioso per me, ed anzi ho piacere di aggiungere a proposito, Alessandro caro, che è un mondo che apprezzo particolarmente per un motivo su tutti gli altri: la eccezionale sensibilità di cui è dotato chi normalmente ne fa parte. Dote per me importantissima. Al momento comunque sto scrivendo qualcosa ma non ne sono molto sicuro, sono un pò indeciso tra due o tre temi, per cui preferisco sinceramente non anticipare nulla!

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici!

Sign In

Register

Reset Your Password

X