Registrati gratis alla nostra Community Gay

La prima esperienza
Cerca Uomo Gay
Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: La prima esperienza

  1. #1
    mf78cm
    Non Registrato

    La prima esperienza

    Siamo in terza media, classe maschile. Io, 13 anni e mezzo, e scopro le gioie del sesso masturbandomi per la prima volta di fronte a una rivista porno rigorosamente etero. Mi spavento, la prima volta, nel provare quello strano piacere, l’orgasmo, raggiunto dopo che ho cominciato a toccarmi il cazzo e muovere la mano su e giù, mentre sfoglio le pagine con foto di donne e uomini che scopano in tutte le posizioni. Quel giornalino me lo ha dato quasi per scherzo, un mio compagno di classe, ma la mia curiosità è troppa e si vede che io sono pronto per la mia prima sega. Ho avuto qualche polluzione notturna nei mesi precedenti, ma sul momento non ho ben capito di cosa si tratta. Quella sera, invece, comincio a masturbarmi, e continuo nei giorni successivi spesso guardando giornali porno.
    Qualche mese dopo, un altro mio compagno di classe, Paolo, un bel ragazzo, sportivo, con un fisico atletico, molto ben definito e proporzionato, mi si avvicina all’intervallo e mi chiede se può farmi una domanda. “Certo”, rispondo io. Mi fa: “se un tuo amico ti chiedesse di fargli vedere il cazzo, tu glielo faresti vedere?” “No”, gli rispondo. E la cosa finisce lì. La sua domanda mi turba e mi incuriosisce al tempo stesso. Dopo qualche giorno, è primavera (da pochi mesi ho cominciato a masturbarmi), sono io che mi faccio avanti e, incuriosito, gli chiedo il perché di quella domanda, quasi a voler riprendere il discorso. Paolo è un tipo deciso, non è certo tra i più bravi della classe, ma già a 13 anni sta con una bella ragazzina, e non sospetto che sia bisex o gay. “Sono curioso, e poi non c’è niente di male, a me piace anche il cazzo”, mi dice, così a bruciapelo. Sempre turbato e sempre più incuriosito, gli chiedo come mai e cosa gli piace e lui, forse intuendo che la mia curiosità è il segnale che anche a me il cazzo potrebbe piacere, comincia a dirmi che a lui piacciono sì le ragazze, ma anche i ragazzi; che gli piace il tal compagno di classe e che con il tal altro si sono masturbati qualche mese prima. A sentirgli raccontare queste cose mi eccito e mi viene il cazzo duro; ho sempre più curiosità di sapere cosa ha fatto con questo nostro compagno di classe (anche lui un bel ragazzo). Paolo comincia a raccontarmi che un giorno aveva chiamato a casa sua questo amico e gli aveva chiesto di farglielo vedere (la stessa tecnica che aveva stava usato con me!) e che loro due avevano finito per tirarsi giù i pantaloni per mostrarsi il cazzo e avevano finito per masturbarsi. Lui glielo aveva anche preso in bocca!
    Il suo racconto mi eccita moltissimo, ma quel giorno non andiamo oltre le chiacchiere. La sera stessa a casa, mi masturbo pensando a questi miei due compagni di classe che si masturbavano reciprocamente. La mia prima sega pensando a dei ragazzi. Da quel momento, quasi tutte le volte che mi masturbo penso a loro, o a me con uno di loro, ma non mi sento ancora gay o bisex. Semplicemente non ci penso, o penso siano solo fantasie.
    Dopo qualche settimana che non torno sull’argomento, ma con una curiosità sempre più forte, un pomeriggio durante il doposcuola, mi avvicino a Paolo e gli chiedo se me lo fa vedere (questa volta sono io che gli chiedo di mostrarmi il suo cazzo!), anche se io non gli voglio far vedere il mio (non mi sento ancora pronto). Detto e fatto. Entriamo insieme nei bagni della scuola e ci mettiamo uno di fianco all’altro, come se dovessimo tranquillamente pisciare. Solo che lui si sbottona e mi fa vedere finalmente il suo cazzo, duro: un bel cazzo, lungo, grosso, con il glande scappellato, rosso e bagnato. Pochi secondi e poi tira su gli slip e la cerniera dei jeans. La vista del suo cazzo è stata breve, ma non mi ha turbato, anzi, mi è piaciuto.
    E così, finalmente, durante la gita scolastica di primavera, una sera gli chiedo di passare in camera mia (eravamo tutti in camere singole). Verso le 11 di sera, quando tutti siamo nelle nostre camere, Paolo entra in camera mia e si siede sul letto. Parliamo sottovoce per non farci sentire. Lui è vestito con i pantaloni del pigiama e indossa una canottiera azzurra. Per venire in camera mia ha dovuto percorrere i pochi metri che separano la sua camera e la mia camera lungo lo stesso corridoio. A un certo punto gli chiedo di abbassarsi gli slip, per farmi vedere un’altra volta il suo cazzo. Lui esegue, scoprendo il suo cazzo duro. Gli chiedo di masturbarsi di fronte a me e lui comincia a farsi una sega, ma mi chiede di potermi toccare. Non resisto, e accetto. Siamo seduti sul letto, con la schiena appoggiata al muro, lui alla mia destra. Paolo comincia a passare la sua mano sul mio cazzo coperto (ho ancora su le mutande) e intanto si masturba. Mi piace sentire il suono del suo cazzo, mentre con la mano va su è giù e la pelle copre e scopre il glande. Poi io mi abbasso le mutande e lui comincia a toccarmi il cazzo e ad accarezzarmi le palle. Io sono eccitatissimo e provo un piacere fortissimo specialmente quando mi tocca le palle. Poco dopo lui viene, con uno schizzo che gli arriva fino al petto e con una sborrata lunga e piena.
    Io sono stordito, confuso, è la prima volta che vedo sborrare un ragazzo, che sono eccitato nel farmi toccare, e per di più da un ragazzo. Lui si pulisce velocemente, e poi esce per tornare in camera sua (non vuole che il prof si accorga di qualcosa).
    Io sono ancora stordito ed eccitato. Solo in camera, non posso fare altro che masturbarmi. Vengo sulla mia pancia, godo pensando a quello che ho appena vissuto. Appena finito realizzo pienamente che ho avuto la mia prima esperienza con un ragazzo, a 13 anni e mezzo, e sono spaventato. Allora sono omosessuale? Allora mi piacciono i ragazzi? Ho mille dubbi e un forte turbamento. Quella notte non dormo bene.
    Nei giorni seguenti ci vediamo con tutti gli altri della classe ed è come se nulla fosse successo. Io però sono rimasto colpito da questo nostro primo incontro e continuo a masturbarmi quasi tutti i giorni ripensando a quello che ho vissuto con Paolo.
    Tornati dalla gita scolastica, dopo qualche settimana riprendo a frequentare Paolo con la scusa di studiare insieme durante il doposcuola. Inutile dire che anziché studiare si finisce per parlare delle nostre curiosità sessuali e del fatto che ci piace il cazzo, ma anche la figa (nessuno dei due si sente al 100% omosessuale,non abbiamo neanche 14 anni, o forse siamo semplicemente tutti e due bisex), o del fatto che quel ragazzo dell’altra sezione è molto carino e che ci piacerebbe farcelo o del fatto che a lui piace vedere il tal compagno di classe che porta i jeans stretti e si vede che sotto è ben dotato, ecc. ecc. Sta di fatto che lui non mi chiede di fare sesso. Sono io allora che gli chiedo se ha voglia di fare ancora qualcosa con me, più di quanto non abbiamo fatto durante la gita scolastica. Un sabato pomeriggio decidiamo di andare a casa sua. Io suoi hanno un appartamento grande con una mansarda, cui si accede tramite una scala a chiocciola. Andiamo lì, mentre sua madre è al piano di sotto. Io sono timido è un po’ imbarazzato. Finalmente lui si slaccia i jeans, abbassa la cerniera, e tira fuori il cazzo già duro. Ci sediamo sul divanetto, anche io con i jeans e le mutande abbassati. Non siamo completamente nudi; sua madre potrebbe salire, noi sentiremmo i passi sulla scala, e avremmo giusto il tempo per tirarci su slip e jeans e far finta di giocare a carte (abbiamo messo delle carte da poker sul tavolino di fronte a noi, non si sa mai che si debba simulare qualcosa. Essere beccati con il cazzo in mano da sua madre non sarebbe bello). Cominciamo a toccarci il cazzo, io finalmente glielo prendo in mano. Lo sento caldo e duro e comincio a masturbarlo. Lui fa la stessa cosa con me. Mi chiede ti accarezzargli le palle e lui fa la stessa cosa con me. Sento un piacere fortissimo. Poi lui si china e avvicina la bocca alla mia asta, baciandola, ma non mi fa un vero pompino. Sono super eccitato. Continuo a masturbarlo, mi piace sentire il suo cazzo duro e caldo nella mia mano. Decidiamo di venire, ma lui preferisce masturbarsi da solo e anche io devo fare la stessa cosa. Sborriamo praticamente insieme. Ci puliamo velocemente e ci tiriamo su gli slip e i jeans. Sua madre non si è accorta di nulla. Scendiamo dalla mansarda e usciamo. Andiamo in bici verso il centro. Non parliamo. Poi ci salutiamo e ognuno ritorna a casa sua.
    Quella sera penso a quello che è mi successo, al fatto che mi è piaciuto, che mi è piaciuto avere il suo cazzo in mano, masturbarlo; al fatto che avrei voluto essere io a farlo godere, a farlo sborrare, e invece lui ha preferito finire da solo. Perché? Forse non sono stato abbastanza bravo a masturbarlo, ma era la prima volta che prendevo in mano un cazzo. Mi rimane la voglia di vederlo venire, di vedere il suo sperma schizzare e poi colare tra le mia dita. Purtroppo non ci saranno altri incontri con lui. Io troppo incerto e sessualmente immaturo, ancora insicuro e a volte timido. Lui, al contrario, sicuro di sé e senza problemi, forse un po’ scocciato nel vedermi ancora indeciso. E poi, forse, è rimasto deluso per il fatto che non gli ho fatto un pompino. Non lo so. Quello che so è che per molto tempo continuo a masturbarmi pensando al nostro incontro e desiderando rivederlo, ma la scuola è finita e non ci sono più occasioni per vedersi. Io non ho il coraggio di telefonargli; una volta ci provo, ma lui mi risponde freddo e io lascio perdere.
    Forse quell’incontro ha determinato il mio orientamento sessuale o forse ha semplicemente fatto emergere quello che già ero. Con il tempo ho imparato ad accettare la mia bisessualità, anche se devo ammettere che se voglio godere veramente devo fare sesso con i ragazzi. La prova per me è nel doppio orgasmo. Solitamente riesco ad avere un solo orgasmo se ho un rapporto sessuale con una ragazza. Se invece ho un rapporto sessuale con un ragazzo, allora sono talmente eccitato che nel giro di un’ora riesco tranquillamente a venire due volte. Questo mi succede anche con la masturbazione. Se mi masturbo guardando video etero o lesbo, dopo la prima sega smetto. Se invece vedo un video gay (specie i video con Brent Corrigan o quelli di BelAmi), allora due seghe a breve distanza una dall’altra sono normali.
    Dopo l’esperienza con Paolo ho avuto altre esperienze con alcuni ragazzi, e ovviamente sono diventato meno timido e impacciato. Non ho problemi a fare sesso con ragazze e ragazzi (sempre protetto), ma quell’esperienza a 13 anni e mezzo è stata fondamentale per farmi scoprire la parte più eccitante della mia sessualità. Nei ragazzi che incontro, cerco sempre un fisico simile a quello di Paolo, che assomiglia molto a quello di Johan Paulik di BelAmi. Forse è per questo che non riesco a fare sesso con i ragazzi tanto spesso come vorrei. Sono troppo esigente!

  2. # ADS
    Circuit advertisement
    Cerca Uomo Gay
     

  3. #2
    Senior Member
    Data Registrazione
    16-12-2009
    Età
    29
    Messaggi
    234
    Si finisce sempre per cercare l'amante fantasma, vero?

  4. #3
    bery
    Non Registrato
    mi è piaciuto molto......... in alcuni punti ho rivissuto le stesse esperienze, emozioni e situazioni bellissime

LinkBacks (?)

  1. 03-06-2013, 16:22
  2. 18-03-2013, 14:59
  3. 12-03-2013, 20:37
  4. 11-03-2013, 19:08
  5. 01-03-2013, 08:01
  6. 24-02-2013, 15:58
  7. 22-02-2013, 07:50
  8. 20-02-2013, 07:55
  9. 13-01-2013, 21:09
  10. 07-01-2013, 14:15
  11. 28-12-2012, 15:26
  12. 27-12-2012, 23:29
  13. 27-12-2012, 11:50
  14. 21-12-2012, 22:06
  15. 16-12-2012, 16:11
  16. 14-12-2012, 21:06
  17. 14-12-2012, 10:21
  18. 10-12-2012, 11:32
  19. 06-12-2012, 18:08
  20. 05-12-2012, 18:01
  21. 04-12-2012, 18:40
  22. 29-11-2012, 21:41
  23. 29-11-2012, 08:25
  24. 26-11-2012, 17:55
  25. 26-11-2012, 09:17
  26. 23-11-2012, 12:24
  27. 21-11-2012, 10:01
  28. 20-11-2012, 20:54
  29. 18-11-2012, 23:25
  30. 15-11-2012, 22:29
  31. 14-11-2012, 17:12
  32. 13-11-2012, 13:11
  33. 12-11-2012, 21:18
  34. 11-11-2012, 20:14
  35. 11-11-2012, 19:02
  36. 09-11-2012, 11:01
  37. 31-10-2012, 14:03
  38. 25-10-2012, 21:57
  39. 24-10-2012, 12:17
  40. 21-10-2012, 21:51
  41. 21-10-2012, 21:27
  42. 20-10-2012, 08:14
  43. 19-10-2012, 21:57
  44. 18-10-2012, 22:46
  45. 16-10-2012, 17:56
  46. 13-10-2012, 15:06
  47. 13-10-2012, 08:26
  48. 12-10-2012, 14:47
  49. 08-10-2012, 07:47
  50. 02-10-2012, 16:10

Discussioni Simili

  1. La mia prima (e unica) esperienza omo.
    Di JohnDoe nel forum Sesso Gay
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 31-12-2011, 08:33
  2. pro e contro di essere la prima esperienza al maschile
    Di Leonardo nel forum Amore e Relazioni Gay
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 26-07-2011, 16:09
  3. prima esperienza
    Di fraska nel forum Sesso Gay
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 17-02-2011, 15:40

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Cerca Uomo Gay

Content Relevant URLs by vBSEO ©2011, Crawlability, Inc.