Cerca Uomo Gay

Genitori di omosessuali chiedono al governo cinese il matrimonio gay

matrimonio gay in cina

matrimonio gay in cinaIn Cina, i genitori dell’associazione “Genitori, Famiglie, e Amici delle Lesbiche e dei Gay(una sorta di AGEDO) hanno scritto una lettera all’Assemblea Nazionale del Popolo, l’unica camera del parlamento cinese in segno di protesta per il fatto che i propri figli omosessuali non possono contrarre regolarmente matrimonio. La lettera è stata scritta dopoche a due lesbiche di Pechino è stata respinta la richiesta d’iscriversi nel registro dei matrimoni. Su Sina Weibo, un sito di microblobbing cinese nonché uno dei più frequentati del paese, l’argomento è diventato subito attualissimo e ha scatenato milioni di commenti nel giro di poche ore.

I problemi che si pongono per le coppie omosessuali sono molteplici, di ordine morale e materiale, e sono quelli condivisi dalla maggioranza della popolazione omosessuale del mondo (non tutti gli Stati hanno legislazioni avanzate come quella di Olanda o Spagna!). In Cina, gli omosessuali ammontano a circa 60 milioni di persone (tanti quanti gli abitanti di tutta Italia) e sono circa il 4% dei Cinesi, cioè un cinese su 25. Il danno maggiore per una coppia omo che non si può sposare è, senza dubbio, quello che ferisce l’animo: un problema di etica e di felicità. La domanda che si pongono gli omosessuali è semplice: perché loro sì e noi no? E i genitori degli omosessuali cosa vedono? Vedono, ad esempio, le disparità che coinvolgono i propri figli, magari uno gay e l’altro eterosessuale. Una coppia omosessuale, oltre a non potersi sposare, non ha diritto all’adozione, né a comprare casa insieme, tanto meno a ereditare. Inoltre, un caso peggiore sarebbe un partner che deve decidere per l’operazione del compagno, in caso d’incapacità altrui. Lo scopo della lettera inviata dai genitori di figli omosessuali è opporsi alla discriminazione che i figli devono sopportare giorno dopo giorno, l’omosessualità come stigma sociale; insieme con la mancanza dei vantaggi matrimoniali a livello sociale e sanitario.

L’omosessualità in Cina non è illegale, ma il matrimonio non è ancora contemplato. Come accennato, nessuno dei membri del partito s’è ancora espresso in merito. Per quanto vi siano ancora voci fuori dal coro che tuonano contro gli omosessuali, gli intellettuali cinesi rimangono sorpresi dall’atteggiamento non ostile delle autorità e dal fatto stesso che due dei principali media cinesi (Sina Weibo, Xinhua News) hanno riportato la lettera in primo piano: ciò denota un’apertura sorprendente, nella Cina moderna, nei confronti dei diritti omosessuali.

You may also like

0 comments

Sign In

Reset Your Password