A Madrid il World Pride 2017 | PianetaGay

Cerca Uomo Gay

A Madrid il World Pride 2017

Madrid ospiterà il World Pride 2017

“The global divide on homosexuality”, sondaggio internazionale promosso dall’istituto di ricerca statunitense, Pew Research Centerha rilevato che l’88% degli intervistati considera la Spagna il Paese più gay friendly a livello mondiale. Sarà per la sua legislatura, che ha visto nel 2005 approvare la legge sul matrimonio omosessuale e istituire l’adozione per coppie formate da persone dello stesso sesso; sarà per l’ospitalità e l’alto senso di accoglienza da parte di una società sempre più matura: fatto sta, la Penisola Iberica si è aggiudicata la prossima sede del World Pride 2017, in particolare Madrid, la capitale.

La capitale spagnola è stata scelta dalle delegazioni degli 88 Paesi, provenienti dai cinque continenti, rappresentative il movimento LGBT internazionale. Madrid, da sempre in cima nella classifica delle città più vivibili, più dinamiche e culturalmente attraenti, vedrà nel giugno 2017 ospitare la grande mobilitazione per i diritti delle persone LGBT. Un corteo, quello tradizionale, colorerà le strade della capitale, diversi saranno gli appuntamenti, work shop, incontri tematici, appuntamenti culturali e aggregativi, non mancando spazi per la convivialità e per il divertimento.

La città, ormai definibile da diversi decenni e a pieno titolo “europea”, si sta preparando per accogliere la grande “marcia” rainbow, coinvolgendo tutte e tutti coloro vogliano affermare a gran voce la dignità delle persone gay, lesbiche, bisessuali, transgender. Madrid ha prevalso, così, sulle altre candidature all’interno del summit del trentesimo Interpride (International Association of Pride Organizers). L’incontro internazionale delle delegazioni di diversi stati del mondo si è tenuto a Boston e ha visto anche la presenza di rappresentanti del comune della capitale spagnola, attestando l’interesse e la forte partecipazione del mondo istituzionale iberico verso il grande appuntamento.

Madrid ha avuto, così, il giusto riconoscimento per essere una metropoli attenta e accogliente verso le persone LGBT e il loro benessere, sociale e civile. La Spagna, da tempo, sta affrontando una serie di misure volte a prevenire il fenomeno dell’omofobia, comprendendo che la piaga, che ancora ammorba una parte della società, causata da pregiudizi e fobie irrazionali, possa essere affrontata e abbattuta attraverso una giusta informazione e cultura. E’ di quest’anno, infatti, la campagna pubblicitaria, mandata in onda sulle televisioni e sui siti iberici, efficace sull’opinione pubblica, quanto semplice nella sua narrazione.

Un ragazzo nello spogliatoio è schernito dai suoi compagni di squadra: all’improvviso appaiono dietro le spalle del giovane, fisicamente sensuale e interessante, il lato estetico non guasta mai, componenti di una famiglia, padre, madre, figli, che chiedono ai bulli perchè chiamino il proprio compagno di squadra “frocio”. Un messaggio, è questo, che rivela maggiormente il dato fondamentale per il quale lo spot è stato realizzato: affermare con maggiore determinazione il valore e il consenso per i principi di eguaglianza e di rispetto della dignità della persona, a prescindere dall’orientamento o dall’identità di appartenenza.

Attendiamo, quindi, che i sipari si aprano sulla capitale iberica accogliendo la grande ondata rainbow: l’appuntamento nel 2014 è a Toronto, dove si vedranno, nella città canadese dove è presente una delle più numerose comunità LGBT a livello internazionale, non solo la Pride Parade, ma anche la Trans March, la Dyke March, il sontuoso Gala World Pride, una conferenza internazionale sui diritti umani, e momenti ludici aperti ai bambini.

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici!

Sign In

Register

Reset Your Password

X