Osvaldo Supino fa “il botto” al Join The Gap

SupinoLive1

Successo per il cantante italiano sul palco del Papaya Beach di Milano

E’ partito con I have a name, tra il fumo ed effetti speciali l’evento che ieri sera ha visto protagonista Osvaldo Supino sul palco del Papaya Beach di Milano nella serata @Join the Gap organizzata da CIG Arcigay Milano. L’artista italiano più cliccato e discusso del web è salito per la prima volta sul palco della serata gay friendly più popolare dopo un anno e mezzo di assenza dal suo ultimo concerto milanese.

Osvaldo Supino ospite al Join The Gap @Papaya Beach Club Milano
In foto Osvaldo Supino – Crediti Fotografici: Andrea Longoni

 

Visibilmente emozionato, ma in forma con la carica e l’entusiasmo che lo contraddistingue, Osvaldo ha presentato uno show completo e curato in ogni dettaglio. 

Osvaldo Supino durante un’esibizione – Crediti Fotografici: Andrea Longoni

Dall’aspetto musicale a quello visivo, intrattenendo con maestria il pubblico, non semplice, ma che è riuscito a trascinare a ritmo delle sue hit pop dance con il quale ha conquistato il web.

«Questo è stato il primo posto gay in cui ho messo piede tantissimo tempo fa, ed oggi fa veramente strano essere qui sul palco
”  ha esordito “E’ davvero una grande emozione. Grazie per essere con me stasera! »

Lo spettacolo, più di sempre, è stato contraddistinto da molti momenti  particolarmente scenografici. Dai fuochi pirotecnici di “When I Think About Sex” alla wather-war inscenata sul palco con i ballerini, dalla pioggia di coriandoli, al momento ad alto tasso erotico di “pornographic” in cui è stato coinvolto uno dei fans di Osvaldo scelto tra il pubblico. Quello che colpisce di sicuro è la maturità di Osvaldo percepibile a chiunque, e la voglia di farlo. La grinta e i suoi tanti sorrisi. La sensazione è di trovarsi di fronte a un artista felice e fiero di ciò che fa, sicuro di se ma anche molto ironico e autoironico.  Lo show di Osvaldo è ineccepibile e rispecchia l’evidente crescita di un artista che nato da se, ha ancora tanto da dire e continua a stupire.

You may also like