Purghe e clisteri: istruzioni per l'uso | PianetaGay

Cerca Uomo Gay

Purghe e clisteri: istruzioni per l’uso

Preparativi per sesso anale: purge e clisteri

Un tema di cui pochi parlano poco anche all’interno del mondo gay ancora come se fosse un tabù è l’utilizzo di purghe in previsione di un rapporto anale. Esistono poche informazioni on line a riguardo e le procedure fai-da-te senza nessun fondamento scientifico o sanitario sono all’ordine del giorno.

L’area anale è una delle parti più sensibile agli stimoli esterni del nostro corpo e un’azione prolungata nel tempo e senza attenzione su di essa può portare a problemi anche non immediati sul nostro stato di salute.

All’interno del mondo LGBT esistono varie scuole di pensiero a riguardo. C’è chi pensa che una purga o l’utilizzo di clisteri prima di un eventuale rapporto anali sia indispensabile per mantenere e garantire standard d’igiene durante il rapporto (garantisce comunque una maggiore tranquillità durante l’atto sia nel partner insertivo che in quello ricettivo), ma esistono anche molte persone che sostengono che possibili residui di feci durante il rapporto siano una situazione non particolarmente scandalosa poiché l’ano ha proprio la sua funzione principale nell’espellere i residui.

Entrare a contatto con le feci, se non per gli amanti dello scatting, è sicuramente in generale qualcosa di non particolarmente piacevole ed è quindi consigliabile in generale il mantenimento di buoni livelli di igiene dell’area anale, tramite lavaggi con acqua e sapone. Come in tutto esiste poi anche chi esagera.

Infatti se si utilizzano clisteri anche solamente più di due volte alla settimana senza reintegrare la flora batterica che viene eliminata durante il lavaggio si rischia di andare incontro a problemi cronici che portano poi nel tempo a dipendenza nell’utilizzo di clisteri per defecare.

C’è anche chi si regola con la dieta nei giorni precedenti alla previsione di un rapporto evitando cibi e bevande che favoriscono cattivi odori e spiacevoli movimenti intestinali e su questo argomento girano anche  leggende che vedono come protagonisti gli attori porno, che il giorno prima delle riprese farebbero diete ferree per evitare brutte sorprese durante il loro lavoro.

Assumere purghe chimiche per lungo tempo, come tutto ciò che non è naturale, se non è strettamente necessario è sconsigliabile poiché molto invasivo per il nostro corpo e soprattutto per il nostro intestino.

Per chi invece non può fare a meno di prendere spunto dai V.I.P esistono anche in questo ambito mode dettate dalle star di Hollywood come la “terapia Gerson” che prevede clisteri a base di caffé utilizzati oltre che per l’igiene, anche per la prevenzione (non scientificamente provata) di malattie croniche ed incurabili come a volte può essere il cancro al retto.

Toglietevi dalla testa che i gay, le lesbiche, i/le transessuali e i/le bisessuali siano più puliti degli eterossessuali, come si può leggere ad esempio nei messaggi lasciati da qualche partecipante su questo forum tematico.

Le persone LGBT ovviamente, anche se in generale possono essere più attente all’attenzione del proprio corpo, hanno lo stesso grado di igiene e di pulizia, che a volte può variare, essendo un fattore culturale, da paese a paese di origine.

Soprattutto in questi casi la sicurezza personale (che varia se si sta per affrontare un rapporto occasionale o un rapporto con il proprio/la propria fidanzato/a) ed il grado di consapevolezza di quello che si sta per fare è essenziale.

Leggere, informarsi e chiedere informazioni e consigli ad amici ed amiche può essere un buon metodo per aver maggiori informazioni sull’utilizzo di purghe e clisteri, ricordandosi però di non cadere mai in comportamenti maniacali e senza dimenticare mai qual’è la funzione naturale principale dell’ano.

Nel caso abbiate comunque dubbi prima o dopo i rapporti sulla situazione di salute e come mantenere standard d’igiene nella vostra area anale, oltre che utilizzare il preservativo in ogni caso come barriera tra il pene e le mucose anali, potrete rivolgervi alla figura medica più adatta per questo, il proctologo, che vi aiuterà anche nello sconfiggere tutti i tabù legati al parlare della vostra area anale che vi portate dietro dal periodo della vostra infanzia.

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici!

Sign In

Register

Reset Your Password

X