Cerca Uomo Gay

Buddhismo e omosessualità

L'attitudine buddhista nei confronti dell'omosessualità

Il buddhismo, lungi dall’essere una religione monolitica, su molte questioni si divide in ramificazioni diverse. Una di queste questioni riguarda la sessualità e, in particolare, l’omosessualità. Il terzo dei cinque precetti del buddhismo invita ad astenersi da comportamenti sessuali non appropriati. Quale sia il valore da dare a questo precetto è ancora oggetto di discussione. La grande maggioranza dei buddhisti ritiene che i comportamenti sessuali non appropriati siano da identificare con lo stupro, la zooerastia e l’incesto. In linea generale, il buddhismo considera il sesso (sia eterosessuale sia omosessuale) come una forma di attaccamento, quindi in questo senso lo guarda con diffidenza. Ma, in realtà, in nessun testo buddhista canonico si trovano divieti riguardanti la sessualità.

Il Dalai Lama -capo spirituale soltanto del filone che fa capo alla scuola Gelugpa, una delle numerose scuole buddhiste esistenti- in un’intervista con Larry King, ha affermato di non avere nulla in contrario circa il matrimonio gay: se due persone ritengono che quella sia la strada giusta per loro, perché non dovrebbe andar bene? Ovviamente esprime anche una posizione contraria nei confronti dell’omofobia, da considerare come una violazione dei diritti umani.

Quando afferma che è sconveniente l’uso di ano e bocca come organi per il contatto sessuale (sia etero che omo) e che tutto ciò che devia dallo scopo riproduttivo dell’atto sessuale non è considerato come buona condotta buddhista, il Dalai Lama non si riferisce a testi di precetti e di dottrina. Cita, piuttosto, testi di medicina tibetana (entrati poi in parte nella cultura buddhista) nei quali si sconsiglia di utilizzare bocca e ano nei rapporti sessuali per precauzione igienica (normale in un paese dove le condizioni igieniche non erano le migliori). Non si tratta, quindi, di un giudizio morale, quanto piuttosto di un’esigenza pratica. Nulla spinge a credere che il buddhismo abbia ostilità nei confronti degli omosessuali.

You may also like