Cerca Uomo Gay

Candida

candida-mstVi è mai capitato di osservare il partner alla fine di un rapporto sessuale ritornare dal bagno e vedere che osserva silenziosamente il soffitto con aria drammatica? E voi vi chiedete: ma cosa sarà successo durante l’intervallo di tempo che intercorre tra il letto e il luogo dei richiami naturali? Così iniziamo a scrutare il nostro corpo, nell’attesa che qualcuno dica qualcosa al fine di interrompere quel silenzio agghiacciante. Nel frattempo pensiamo quale difetto abbia potuto far cadere in depressione il nostro compagno. Pensiamo di affidarci a centri medici in grado di risolvere ciò che l’ipermetrope non vede e cadiamo in un tunnel di paranoia. Fin quando ci sorge spontaneo chiedere: C’è qualcosa che non va? La prima risposta che avremo sarà “ Niente”.
Non scoraggiatevi con tempistiche pari a quelle di un processo giudiziario si scoprirà che aveva avvertito del prurito. La domanda è: Quando? Da qualche giorno! Perchè non comunicarlo prima? Il silenzio non risolve i problemi, ma non solo, li causa. Quel prurito la maggior parte dei casi non è nient’altro che candida. Niente di particolarmente drammatico, ma fastidioso! La candida è un parassita che appartiene alla famiglia dei “funghi”. Normalmente non è nociva, anzi ci aiuta nella digestione degli zuccheri. In condizioni particolari ovvero: periodi di stress, basse difese immunitarie e così via crea dei problemi, che se non curati possono aggravarsi sfociando in patologie più complesse. Generalmente si capisce che si è affetti da candida poiché si avverte un prurito nelle parti intime e risulta essere irrefrenabile l’istinto di grattarsi. La prima cosa da fare è rivolgersi al medico, la seconda rendere partecipe il partner, possibilmente prima di immischiargliela. Arriviamo alle cure! Solitamente viene prescritto un sapone intimo appropriato, delle pillole e una pomata. Non fate abuso della pomata, usatela con parsimonia ricordatevi che è sempre un farmaco,attenetevi alla posologia. Non pensate che più ne usate meglio è, rischiate di peggiorare la situazione aggravando la vostra condizione e abbassando ulteriormente le vostre difese immunitarie, consentendo alla candida di persistere. Abbiate la pazienza di attendere che la cura abbia i suoi effetti,astenetevi dal far sesso o se proprio non resistete utilizzate il preservativo in modo da non contagiare il partner. Se curata bene nel giro di 5 giorni il problema dovrebbe risolversi. Lo capirete grazie alla scomparsa dei sintomi, ascoltate il vostro corpo e non sottovalutate i vostri disagi e soprattutto non createne!!!

You may also like

By