Cerca Uomo Gay

Come dire alla tua ragazza che sei gay?

Come dire alla tua ragazza che sei gay?

Innanzitutto, una domanda: sei bisex o gay? Perché forse a te non cambia molto, ma per la mente della tua ragazza, irrimediabilmente egoriferita, c’è una differenza sostanziale: nel primo caso lei finirà col ritenerti un po’ eccentrico, nel secondo invece sarà una tragedia. E non perché l’omosessualità sia un problema in sé, ma perché il suo primo complesso sarà: “Se un gay si è messo con me è perché io non sono abbastanza femminile” seguito da “Come ho fatto a non accorgermene? Sono forse stupida?”. Insomma, siamo sinceri, di te, nel momento esatto del tuo outing, le importerà ben poco. Ovviamente, in un secondo momento, si chiederà anche se tu lo sia sempre stato o se lo sia diventato dopo, se tu te ne sia accorto da tempo e lei era soltanto una copertura o se veramente l’hai amata, se l’hai tradita con altri e via dicendo.

L’outing nei confronti della tua ragazza più che una confessione dovrà essere una lunga, sicura e ben studiata rassicurazione. Non credere a chi ti consiglia di essere sincero e che la verità paga sempre, perché ci sono casi-limite in cui una donna incosciamente vorrà che le si menta. Se la verità, ad esempio, è che sai di essere gay da tempo ma non volevi venisse fuori e lei, così simpatica e carina, ti sembrava un buon modo per non attirare sospetti, non dirglielo mai. Tendenzialmente non dirle neanche, salvo eccessive insistenze, che avevi una vita parallela e che la tradivi con altri. Se invece le è stato riferito, lo sa già e vuole una tua conferma, allora ammettilo, ma solo perché ha già metabolizzato. Dille, piuttosto, cercando di essere credibile, che la trovavi realmente attraente e che eri davvero innamorato. Che, semplicemente, ti sei accorto che sei maggiormente attratto da alcuni uomini piuttosto che da lei, sebbene lei sia innegabilmente sexy. Che ti era venuto il sospetto in passato, ma siccome stavi con lei, l’amavi e la trovavi eccitante, avevi soprasseduto, pensando che fosse una fantasia passeggera. Spiegale come te ne sei accorto e cosa provi ora di diverso, ma non perdere mai il focus sulla sua sensibilità e ricorda che l’autostima, per una donna, è tutto. Preparati prima ad eventuali obiezioni, domande e contro-domande, perché vorrà sapere tutto e tu dovrai essere convincente. Farle credere che sia stata un errore o che neanche voi sappiate bene perché vi siate messi con lei o, ancor peggio, che sia brutta e poco desiderabile, potrebbe annientarla in maniera irreversibile.

Infine, non dirle frasi come “restiamo amici”, “io per te ci sarò sempre”, “io comunque ti voglio bene”. Per quanto sincere, sanno di pietà e la pietà, sentimento nobilissimo, si prova solo verso i casi umani. Sii secco, asciutto, logico e convincente. Il tuo discorso non deve fare una grinza, lei è una bomba sexy, avrà altri uomini e il pensiero un po’ ti irrita, ma tant’è.

E poi, ricorda, poteva andarle peggio rispetto a “io sono gay”: “io amo un’altra”.

You may also like