Attivo o passivo? Come fare a capire il ruolo sessuale del tuo partner?

Non sempre è facile capire se l’uomo con il quale si intende iniziare una relazione è attivo o passivo. Molti che si presentano come attivi sono in realtà passivi, possono essere stati attivi per un periodo se impegnati in una relazione con uno più passivo di loro, ma non è onesto definirli attivi nel senso più stretto del termine.

Alcuni segnali sono indicativi della passività. Bisogna indossare i panni del “detective” per osservare bene e infine riuscire a stabilire il ruolo predominante che svolge la persona che ci interessa.

Innanzitutto, un vero attivo non indossa mai un paio di pantaloni troppo attillati. Magari ha jeans aderenti, che sottolineano i muscoli, ma di certo non porta una “seconda pelle” per mettere sfacciatamente in mostra il fondoschiena. Se vi trovate in discoteca e lui inizia a fare urletti e a ballare sulle note di una canzone orecchiabile, potete essere certi che è passivo. L’uomo attivo sa ballare, ma lo fa con stile e senza eccessi.

Osservate anche il suo viso. Se notate che si trucca, che mette la cipria, il mascara o il gloss, è un passivo al cento per cento. Un conto è usare creme idratanti, un altro è sembrare una donna!

Indagate anche sul suo profilo Facebook. Se invece delle foto sue con amici, o in palestra, egli posta immagini di cantanti, attrici, animaletti o fiori non può essere attivo. Un vero attivo ha le sue foto nel profilo.

Quando si arriva a conoscersi meglio, infine, ecco che il ruolo viene svelato. Un partner attivo è attratto dal “bacio nero”, ovvero dal bacio nell’ano pre penetrazione. Non ama invece praticare la fellatio, e soprattutto non parla a ripetizione del suo pene. Chi lo fa è di sicuro passivo, un uomo virile non passa le ore a raccontare del proprio uccello e di come è potente nel sesso!

Il passivo, inoltre, tende ad essere acido e pettegolo come una donna. Questa caratteristica, assieme a quelle esposte sopra, vi potrà rivelare cosa aspettarvi dal vostro nuovo partner.

Luoghi comuni a parte, quali sono i vostri “metodi” per individuare un attivo o un passivo?  Vi ritrovate in quanto scirtto? Fatecelo sapere  con un commento all’articolo!

You may also like