Cerca Uomo Gay

I film lgbt più attesi del 2017

Come di consueto, i primi mesi dell’anno sono ricchi di novità sul grande schermo. Con l’approssimarsi della consegna dei Golden Globe, e poche settimane dopo degli Academy Awards, l’interesse per i film in uscita si fa sempre più intenso e frenetico.

Film lgbt del 2017: I am Michael

Tra le pellicole legate in qualche modo al mondo LGBT c’è senza dubbio la controversa “I am Michael”, nella quale il regista statunitense Justin Kelly racconta la vicenda di Michael Glatze, e della sua trasformazione da attivista per i diritti dei gay a pastore fondamentalista. Interpretato da James Franco, il protagonista passa attraverso varie fasi della sua vita. Il film inizia con Michael fidanzato con un ragazzo e giornalista attivo nel mondo LGBT, e lo segue nella sua crisi, che lo porta al buddhismo, ad abbracciare la fede religiosa e perfino a sposare una donna. Sarà di certo un’opera che farà molto discutere.

Film gay del 2017: Tom of Finland

Anche Tom of Finland, diretto da Dome Karukoski è destinato a far parlare molto di sé. Il regista narra la vita di Touko Lavio Laaksonen, il più famoso disegnatore gay al mondo, morto nel 2011. I fumetti di Laaksonen, che usava lo pseudonimo di Tom of Finland, erano caratterizzati da uomini superdotati, vestiti in pelle, con muscoli enormi. La sua visione del gay ha cambiato il concetto dell’omosessuale effeminato, portando una vera e propria rivoluzione nell’ambiente LGBT. Sarà un attore finlandese sconosciuto al grande pubblico: Pekka Strang, interprete e regista teatrale, a dare il volto al fantasioso artista.

Rupert Everett: The Judas kiiss

Il 2017 porterà anche l’esordio alla regia di Rupert Everett, uno dei primi divi ad ammettere molti anni fa la propria omosessualità. Per la sua prima opera dietro la macchina da presa, Everett ha scelto un racconto di Oscar Wilde, nel quale si narrano gli ultimi anni del grande scrittore. La pellicola è molto attesa in tutta Europa, anche per il cast, che si annuncia di primissima qualità. Everett ha infatti chiamato a collaborare al suo progetto attori del calibro di Béatrice Dalle, Miranda Richardson, Emily Watson, Colin Firth e Tom Wilkinson. Il film prende il titolo dal racconto di Wilde: The happy prince, ed è stato girato tra Italia, Belgio e Germania.

Barry Jenkins: Moonlight

Moonlight, diretto da Barry Jenkins, sarà uno dei film presenti alla notte degli Oscar e a quella dei Golden Globe, dove partirà tra i favoriti. E’ la storia di un ragazzo di colore, che subisce attacchi dai bulli in giovane età e che cresce in una famiglia problematica, e da adulto si innamora del suo migliore amico.

chiamami con il tuo nome

Molto interessante si preannuncia Call me by your name, tratto da un romanzo dello scrittore americano André Aciman, e portato sullo schermo dal regista italiano Luca Guadagnino. La vicenda è ambientata in una città sul lago di Garda a metà degli anni ’80, e vede protagonisti un ragazzo  italiano e un giovane professore di New York, amico di suo padre. La passione che nasce tra i due cambia completamente quell’estate e le loro vite, e per molti anni li condiziona nelle scelte che compiono.

una famiglia

Rimanendo nel nostro paese, c’è molta curiosità anche per il secondo film di Sebastiano Riso, giovane regista siciliano, dal titolo “Una famiglia”.Della trama non si sa molto, perché Riso ci tiene a svelare solo pochi indizi. Ma si sa che la protagonista sarà Michaela Ramazzotti, la quale aveva già collaborato con lui nel suo primo film “Più buio di mezzanotte”. Sarà una pellicola corale, ambientata nella periferia romana, e affronterà temi di grande attualità.

Il 2017 sarà dunque un anno ricco di novità al cinema, per il mondo LGBT ma non solo. E altre sorprese, ne siamo certi, ci attendono in occasione dei festival più importanti dell’anno.

You may also like

By