I gay preferiscono il sesso soft

Baci, carezze, sesso orale, ma niente rapporti anali. Questo vale per la maggioranza dei gay, secondo uno studio condotto da due università americane, quella dell’Indiana e la George Mason University. La ricerca – cui hanno risposto online 25mila maschi gay – svela una situazione che smonta i pregiudizi e le convinzioni stereotipate che molti eterosessuali attribuiscono al mondo gay.
Secondo i risultati di uno studio condotto da due università Statunitensi (l’università dell’Indiana e la George Mason University), risulta che la maggior parte dei gay apprezzi il sesso anale meno di quanto si sia soliti pensare.

sesso soft

Dai dati raccolti su un campione di 25mila gay emerge come solo il 35% degli intervistati abbia praticato sesso orale nel corso del loro ultimo rapporto sessuale, a fronte di un 74,5% che si è scambiato baci, un 72,7% che ha praticato sesso orale e un 68,4% che si è dedicato alla masturbazione reciproca.
I ricercatori hanno anche incrociato i dati riguardanti i ruoli preferiti e l’età, notando come aumenti la percentuale di passivi fra i giovani di età compresa fra i 18 e i 24 anni ed aumenti quella di attivi fra la popolazione dai 30 ai 39 anni.

You may also like