Il calciatore Hitzlsperger fa coming out

Hitzlsperger fa coming out: Sono gay

L’omosessualità nel calcio è sempre stato argomento di discussione. Soltanto due anni fa Cassano scherzava, in maniera poco rispettosa, augurandosi che non ci fossero “froci” che condividevano lo spogliatoio con lui. E ogni volta che si chiede a un allenatore italiano se nella sua squadra ci sono gay, egli si affretta a precisare di no, con aria spaventata.

Hitzlsperger fa coming out: Sono gay

Per fortuna, qualcosa piano piano si muove. Ovviamente non nel nostro paese, dove i diritti dei gay sono ancora per certi versi un “tabù”. Ma in Germania una voce importante si è alzata a favore della comunità LGBT.  Thomas Hitzlsperger, 31 enne calciatore da poco ritiratosi dal calcio giocato, noto per aver militato anche nella Lazio e nella nazionale tedesca, ha fatto coming out.

Seguendo la strada del giocatore statunitense Robbe Rogers, che si era dichiarato gay pochi mesi fa, Hitzlsperger si è confidato in un’intervista al settimanale Zeit, spiegando che ha deciso di fare coming out per favorire un dibattito sull’omosessualità nello sport professionistico.

I pregiudizi sono duri da scalfire, ancora oggi si sente parlare di “compagni di squadra gay” in senso dispregiativo, anche a livelli amatoriali. Ma Hitzlsperger ha osservato che il calcio è uno sport basato sulla passione, la lotta e il desiderio di vincere tutti insieme, non ha molta importanza se nel gruppo si è eterosessuali o omosessuali.

Per lui, realizzare di essere gay è stato un processo difficile e pieno di dubbi. Solo di recente, si è finalmente reso conto di preferire gli uomini alle donne. E adesso, è giunto per lui il momento di diventare uno dei portavoce della comunità gay nello sport. A forza di piccoli passi avanti, arriverà il giorno in cui l’orientamento sessuale non sarà più motivo di discriminazione

You may also like