Le pratiche sessuali e il rischio di contagio da HIV e altre MTS

Quanto è rischioso se... guida alle pratiche sessuali e rischi

Quando mi è stato chiesto di scrivere un articolo dei rischi di contagio da HIV connesso alle varie pratiche sessuali più diffuse nel mondo gay mi sono un po’ preoccupato perché è un argomento delicato e dove ancora oggi c’è molta confusione in merito.

C’è un però un sito in italiano molto ben costruito ed esauriente da cui prendere spunto, che fornisce in modo dettagliato e senza tanti giri di parole molte informazioni utili su come evitare di entrare in contatto con spiacevoli MTS. Partiamo dal presupposto che per poter contrarre il virus dell’HIV bisogna che avvenga un contatto tra i liquidi corporei di un individuo e alcune parti specifiche del corpo dell’altra o delle altre persone.

Per questo motivo possiamo escludere dal contagio da HiIV e di altre MTS pratiche sessuali come il frottage ad esempio, cioè lo strusciamento tra due corpi anche fino a raggiungere l’orgasmo se fatto da vestiti mentre se fatto senza abiti può essere a rischio di piattole, sifilide ed herpes cioè le malattie sessuali da contatto.

Un’altra pratica sessuale molto comune, anzi forse la più diffusa, cioè la masturbazione è praticamente sicura al 100% se praticata su se stessi e accompagnata da una buona dose di buon senso, come infatti ricorda anche il sito di Cassero Salute, per non rendere anche questa pratica rischiosa quando la si pratica insieme ad un altra persona, bisogna ricordarsi di non usare lo sperma altrui come lubrificante e stare attenti ad eventuali schizzi negli occhi, che se nel caso dovessero arrivare, ricordatevi di sciacquarvi con l’acqua tiepida. (aggiungere rari casi).

Ecco di seguito invece una lista (in ordine alfabetico) dei rischi con le altre pratiche più compromettenti.

Bacio

Esiste la “possibilità teorica” di contagio da HIV, ciò vuol dire che il virus e’ presente nella saliva delle persone sieropositive ma in quantità non così elevate da permettere il contagio.Per permetterlo sarebbe necessario bere litri di saliva del partner e per questo motivo che non si sono mai registrati contagi con questa pratica. L’unica MTS realmente trasmissibile è l’herpes che può comparire anche tanto tempo dopo il contagio incriminato

Fisting (inserimento di uno o più pugni nell’ano del partner)

Per questa pratica l’elemento necessario di base è la fiducia tra chi lo sta praticando. Più si è calmi e rilassati e meno si è a rischio di dolore e di lesioni profonde. Piccoli tagli e fuoriuscita di sangue dall’area anale invece sono inevitabili e per questo motivi bisogna comunque porgere attenzione a non fare entrare contatto lubrificanti e preservativi con eventuali fuoriuscite di materiale organico come feci o sangue.

Per evitare tagli profondi è necessario ricordarsi di tagliare le unghie prima del gesto e possibilmente di usare guanti, che vanno cambiati ogni volta che si pratica fisting con un partner diversi. Per ridurre il rischio usare lubrificanti compatibili con il lattice e ricordarsi che dopo una sessione di fisting le lesioni aumentano il rischio da contagio da HIV. Altre possibili patologie da contatto durante il fisting sono Epatite A ed Epatite C.

Orgia (sesso con più di 2 partner)

Qui i rischi che sono portati da fare sesso con una persona si moltiplicano per il numero di partner coinvolti. Per il rispetto di tutti ricordarsi di utilizzare il preservativo e cambiarlo ogni volta che si fa sesso con una o più persone per evitare di condividere i liquidi corporei propri e altrui con gli altri partecipanti.

Pissing (fare pipì sul partner)

Nessun rischio diretto per il contagio da HIV ma il rischio maggiore sono le epatiti, salmonelle ed herpes. Se l’urina cade sulla pelle sana non ci sono problemi gli eventuali rischi da MTS si hanno se il liquido cade nella cavità orale. Studi dimostrano come questi rischi siano maggiori per le persone già sieropositive.

Rasarsi l’un l’altro

L’unico consiglio da dare è usare con delicatezza rasoio o lametta. Il rischio maggiore di contagio è quello relativo all’epatite C per la quale non esiste ancora un vaccino.

Rimming (leccare l’ano del partner)

Le principali patologie connesso a questa pratica sessuale non sono connesse all’HIV ma all’epatite A e B portate da eventuali ingerimenti di piccole quantità di feci. Per questi 2 tipi di epatite esistono vaccini e per la comunità omosessuale vaccinarsi contro l’epatite B è gratuito. Usare il Dental Dam (materiale in gomma usato soprattutto dalla comunità lesbica durante i rapporti di sesso orale) può essere una soluzione ma purtroppo in Italia la loro diffusione e l’utilizzo dovuto anche al costo abbastanza elevato, non è ancora molto sviluppata. Non si sono ancora registrati casi di HIV direttamente connessi alla pratica del rimming, mentre ci sono stati casi di gonorrea dovuto al contatto diretto tra un soggetto sano e uno malato.

S/M (Pratiche sadomaso)

In queste pratiche il controllo sul partner ed il dolore richiesto o inflitto sono al centro dell’atto sessuale. Il rischio maggiore è l’HIV se sono presenti ferite o lesioni profonde, quindi porre attenzione in presenza di molto sangue. Ricordarsi che nelle pratiche  BDSM si utilizza un segnale, spesso lo “stop” per definire qual’è il limite di sopportazione del dolore

Sesso anale

Questa è la pratica a più alto rischio da HIV e MTS se fatta senza preservativo. Se si svolge il ruolo passivo mai farsi venire dentro senza protezioni se non si conosce con certezza lo stato sierologico del partner perché è proprio in questo modo che sono avvenuti la maggior parte dei contagi non solo da HIV ma anche da herpes, gonorrea e sifilide.

Anche per chi svolge il ruolo attivo ci sono rischi dal momento che l’ano della persone con MTS e/o  HIV contiene secrezioni che possono contenere i virus.Usare quindi sempre i preservativi o comunque porre sempre molta attenzione durante l’atto.

Sesso orale (pompini)

Il sesso orale è una delle pratiche più rischiose per il contagio da MTS. Se il contagio da HIV è relativamente basso e per di più riconducibile all’ingoio di sperma (nel caso  lo sperma in bocca non fosse voluto la cosa migliore e’ uno sciacquo con acqua calda appena dopo il momento di rischio) e non di liquido prespermatico, dove la quantità di virus solitamente non e’ sufficiente per il contagio, il rischio di incontrare altre malattie a trasmissione sessuale è molto più alto.

Chlamydia, Gonorrea,herpes, sifilide  e epatite B (per i gay esiste il vaccino gratuito) sono le più facili da contrarre perché passano facilmente le difese della cavità orale se si fa il pompino, ma si è ugualmente a rischio anche se si riceve. Per questo motivo è come al solito consigliato vivamente l’utilizzo del preservativo.

Scat (contatto e/o ingoio con le feci di/dei partner)

Questa pratica relativamente poco diffusa non comporta un grande rischio per il contagio da HIV ma soprattutto per le epatiti. In ogni caso stare attenti e farsi dire magari qualcosa dello stato di salute del partner prima del rapporto.

Usare i sex toy

Spesso si sovrastima il rischio delle varie pratiche sessuali mentre in questo caso, per quanto riguarda i sex toys si sottovaluta il rischio di questa pratica perché non si vede coinvolta in modo diretta un’altra persona. In questo caso parliamo però di utilizzo dei giocattoli sessuali tra varie persone, quindi in questo caso la presenza di un secondo o terzo individuo esiste. Per essere sicuri nel loro utilizzo ricordatevi di scambiarli con altre persone il meno possibile e se proprio questo risulta necessario coprite l’oggetto con un preservativo da cambiare ogni volta che si passa a persone diverse. Questo diventa necessario perché proprio sul sex toy possono rimanere secrezioni. Ricordatevi ad ogni modo che fare sesso vuol dire vivere momenti piacevoli con una o più persone. Usare sempre il preservativo o nel caso del rimming il dental dam rimane la soluzione più sicura per non pentirsi poi un secondo momento di qualche stupidata commessa in un momento spensierato.

Oggi molte associazioni LGBT e non solo per venire incontro al caro prezzo di preservativi e lubrificanti anche per colpa della sempre più pesante crisi economica, li forniscono gratuitamente, perché bisogna ricordarsi che la salute sia fisica che mentale non deve mai passare in secondo piano.

Se avete forti sul rischio di una determinata pratica sessuale che avete fatto durante gli ultimi rapporti ricordatevi che esistono in ogni città nei principali ospedali ambulatori dedicati alle MTS pronti ad ascoltarvi o comunque servizi di Telefono Amico o Telefono Verde più o meno gratuiti sparsi su tutto il territorio nazionale.

Ricordatevi che la persona sieropositiva o con altre MTS in Italia non è obbligata a dichiararvi il proprio stato sierologico prima di un rapporto sessuale, quindi gli unici ingredienti che possono portare ad un buon momento di sesso senza particolari problemi, oltre all’utilizzo di condom e lubrificanti, sono la pazienza, l’onestà e la fiducia nei partner.

You may also like