Cerca Uomo Gay

Locali gay a Roma: la città eterna tutta da scoprire

Locali gay Roma: guida ai posti di tendenza nella capitale

La prima impressione che Roma dà di sé ai turisti gay – soprattutto se paragonata ad altre città come Milano, Parigi, Londra e New York – non è quella di una realtà ospitale e ricca di svaghi. I recenti episodi di omofobia, tra l’altro, ne hanno danneggiato l’immagine gay-friendly. Ciononostante, la Città Eterna ha molto da offrire ai viaggiatori omosessuali. La gay scene è infatti ricca di occasioni di divertimento, basta solo saperle cercare. Ma quali sono i locali gay a Roma più famosi e frequentati?

Locali gay a Roma: Coming out
L’ingresso del Coming Out

La prima tappa del viaggio può iniziare certamente all’ombra del Colosseo, al celebre discopub Coming Out, situato in via S. Giovanni in Laterano (strada meglio conosciuta come gay street), aperto tutti i giorni in orario diurno e notturno, con un simpatico dj-set domenicale, dove il personale, che parla anche in inglese, può dare utili indicazioni su come orientarsi nell’offerta delle notti romane. Presso il Coming Out è anche possibile reperire quei magazine, come Pride, con la lista completa dei locali. Accanto a questo storico locale, se ne trova un altro, il My bar, particolarmente frequentato d’estate da una clientela che ama sorseggiare all’aperto drink a prezzi competitivi. Se arrivate in città durante la settimana e avete comunque voglia di tirare fino a tardi, potete optare per alcuni noti locali di cruising, tutti in centro e facilmente raggiungibili anche con i mezzi di trasporto pubblici (ricordate però che la metropolitana, dalla domenica al giovedì, funziona fino alle 23.30). Notti bollenti allo Skyline di via Pontremoli 36, dove il lunedì è naked, senza dimenticare né il Gate, situato in via Tuscolana 380 che vanta un calendario ricco di eventi dalle feste bear ai party naked e underwear, né Il Diavolo Dentro  dove la trasgressione è la regola e non l’eccezione. Nulla da invidiare ai locali summenzionati da parte dello storico Hangar, via in Selci 69, un discobar particolarmente amato dai turisti stranieri soprattutto perché collocato nei pressi di via Cavour, cioè in pieno centro. Lì vicino, se avete fame (non solo di sesso), c’è Città in Fiore, via Cavour 273, un rinomato ristorante cinese amatissimo dai gay capitolini. Tuttavia, se il cinese vi è indigesto, potete recarvi alla Taverna Edoardo II, vicolo Margana 14, nei pressi di piazza Venezia.

Se siete alla ricerca di una sauna gay a Roma, tra le gocce dei bagni turchi, le bollicine delle vasche Jacuzzi, è d’obbligo un salto all’attrezzatissima sauna Europa Multiclub in via Aureliana 40, a due passi dalla Stazione Termini; e, non lontano da lì, ci si può dirigere alla più intima Apollion Sauna, via Mecenate 59/a; per chi si trova in centro, segnaliamo la sauna Mediterraneo, via Pasquale Villari 3, adiacenze di via Labicana.

Se siete a Roma dal giovedì alla domenica, non avete altro da fare che salire sulla giostra delle notti discotecare.

Discoteche gay a Roma: il Muccassassina
Muccassassina, Via di Portonaccio, 212

Il giovedì a Roma si chiama Gloss, una serata divertente che si tiene presso la discoteca Alibi, via di Monte Testaccio 40.

Il venerdì, se amate una serata piena di gente, vi piacciono gli spettacoli drag e non disprezzate una cospicua presenza di etero, andate diritti al Qube che ospita l’arcinota Muccassassina, via di Portonaccio 212. Ancora di venerdì, ma solo il primo e l’ultimo del mese, se amate la musica elettronica e un ambiente leggermente più radical-chic, c’è la serata Glamda, presso il Circolo degli Artisti in via Casilina Vecchia 42.

Gorgeous I Am - Locali gay a Roma
Gorgeous I am, via del Commercio 33

Il sabato davvero non c’è che l’imbarazzo della scelta. Se siete tipi da locale affollato, vi piace passare da un genere musicale all’altro (dalla musica commerciale a quella house), vi divertite con gli spettacoli delle drag-queen e all’occorrenza non disdegnate la dark room, accorrete alla serata Gorgeous I Am, presso la favolosa discoteca Alpheus in via del Commercio, 36.

Se, invece, preferite un pubblico un po’ più selezionato, musica elettronica, location postindustriali, sappiate che la già citata Glamda organizza, ogni terzo sabato del mese, la sua serata preso il Lanificio, in via di Pietralata 159. La stessa organizzazione, ogni secondo sabato del mese, cambia nome e locale, anche se le caratteristiche del pubblico restano le stesse, divenendo Amigdala con una serata al Goa in via Libetta 113. Per gli appassionati di after hour, c’è Frutta e Verdura, presso lo Studio 69, in via Monte Testaccio 94.

La domenica, a partire dalle 20 fino alle 24, c’è un aperitivo davvero glamour presso il locale Elle, collocato nella splendida via Veneto, al numero 81. Una raccomandazione, in chiusura: girando per i locali di Roma, non siate riservati, chiedete indicazioni, lasciatevi trasportare dagli incontri e dalle chiacchiere, anche così scoprirete il caput mundi.

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici!

You may also like

X